Strumenti personali
Tu sei qui: Portale

Lunedi 25 Luglio ore 19.30 Pastasciutta Antifascista in piazza Elia della Costa a Firenze con ritrovo presso il monumento ai caduti di Pian D'Albero a seguire proiezione del filmato "F.lli Cervi"

Leggi tutto...
Azioni sul documento

LA CANTATA di PIAZZA TASSO di Angela Batoni

Siam qui per conservare la memoria non scorderemo i tempi d'oppressione quella punta funesta della storia che mise il mondo in perdizione. I popoli tra lor fecero guerra ognuno perse il senno e la ragione la morte dilagò sopra la terra ovunque fu rovina e distruzione. Nel cielo tona il rombo del cannone l'Italia si dovette inginocchiare i tedeschi vi fecero invasione si videro i fratelli deportare. Per noi non ci fu pace e compassione abbandonati fummo a triste sorte il re tradì per primo la nazione ed al nemico spalancò le porte. Così il fascismo si sentì più forte unito col tedesco distruttore la strage seminò tra fame e morte portando la nazione al disonore. Moti fatti di sangue e disumani si videro dovunque consumare famiglie trucidate come cani in ogni strada in ogni casolare. Ma insieme a tanto orrore vo' cantare chi partigiano volle diventare e senza tema e pieno d'ardimento di nuovo ha fatto qui Risorgimento. Uomini e Donne di città e paese che di coraggio fecero le spese con cuore grande aperto notte e giorno sempre ai ribelli dettero soggiorno. Firenze, Piazza Tasso era l'estate quarantaquattro luglio diciassette arriva u n camion con le bande armate fascisti asstanati di vendette. Giocavano a nascondersi i bambini donne e vecchi riparavano l'arsura fecero fuoco quei repubblichini ciechi e crudeli fuori di misura. Non si potrebbe credere al macello uccidere così senza ragione ma un piano certo avevan nel cervello punir l'antifascismo del rione. Quattro vecchi restonno lì per terra un bimbo di nov'anni solamente colpiva i più deboli la guerra chi la paga, si sa, è la povera gente. A "Villa Triste" proprio in quelle ore le belve della banda Carità suppliziavano a forza di torture l'eroico capitano delle GAP. Naturalmente nato antifascista Bruno, gentile, calmo ed alla mano fu messo al primo posto nella lista dalla milizia in Borgo San Frediano. Dal comando "Muti" catturato a maschera di sangue ormai ridotto dai compagni gappisti fu salvato in un posto sicuro poi condotto. Sebbene di fuggire consigliato la lotta lui non volle abbandonare da sette colpi al ventre pugnalato riprese i compagni a radunare. Una vile spiata lo tradiva insieme a dei compagni fu accerchiato per cinque giorni interi torturato senza parlare da "GIUSTO" moriva. O Fanciullacci, è tua questa canzone col cuore di compagna io te la canto riposa in pace non ti scorderemo la tua memoria sempre in cuore avremo.



Tesseramento 2016 all'Associazione Nazionale Partigiani d'Italia

E' possibile iscriversi all'ANPI inoltrando una domanda di ammissione e lasciando una quota d'iscrizione (minimo 10 euro). L'iscrizione può essere fatta di persona direttamente nella sede della Sezione ANPI Oltarno, a Firenze, in via S.Agostino 19 (tel. 055.2676755); oppure con bonifico bancario sul c/c della Banca CR Firenze - Agenzia n. 2 c/c n. 8701 intestato A.N.P.I. Associazione Nazionale Partigiani d’Italia, IBAN: IT92 J061 6002 8020 0000 8701 C00, avendo cura d'indicare il nome dell'associato e la causale (Iscrizione anno 2016); oppure facendo un versamento on line tramite pagamento PayPal direttamente dal sito web (vedi apposito bottone). ---#Per leggere tutto clicca sul titolo di questo post#


Licenza Creative Commons
Tutte le immagini presenti su questo sito sono distribuite con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia.