Strumenti personali
Tu sei qui: Portale "Monte Giovi"- Archivio delle notizie 30/09/2014 RIVOLUZIONE ETICA, ADESSO

30/09/2014 RIVOLUZIONE ETICA, ADESSO

In questi tempi di forte discredito della politica, sta circolando nelle librerie un volume di Vittorio Cimiotta, La rivoluzione etica. Da Giustizia e Libertà al Partito d’Azione (Mursia), presentato a Firenze martedì 22 aprile, al Circolo Fratelli Rosselli in via degli Alfani.

In questi tempi di forte discredito della politica, sta circolando nelle librerie un volume di Vittorio Cimiotta, La rivoluzione etica. Da Giustizia e Libertà al Partito d’Azione (Mursia), presentato a Firenze martedì 22 aprile, al Circolo Fratelli Rosselli in via degli Alfani.
 
Il libro propone una riflessione su quella che è stata l’esperienza politica azionista: dalla fondazione di Giustizia e Libertà nel 1929, a Parigi, all’impegno nella resistenza al fascismo con la lotta clandestina e la nascita del Partito d’Azione nel 1942, fino al suo scioglimento dopo la Liberazione nel 1947. Una riflessione storica che è anche un’occasione per riconsiderare quella rivoluzione etica annunciata ma mai realizzata, se non – forse - nella fase costituente, quando il Paese era appena uscito dalla tragedia della guerra e tutte le forze politiche che avevano partecipato alla Liberazione seppero concorrere a realizzare una comune visione etica della politica.
 
Una storia di ieri, dunque – quella di Cimiotta -, vista attraverso le vicende del socialismo liberale italiano, ma anche un’esortazione a recuperare – oggi -, una nuova morale etica, civile e politica per uscire dalla crisi non solo economica in cui ci troviamo.
 
Anche perché, al periodo fondante dello Stato democratico che segnò l’ultima stagione dell’azionismo raccontata da Cimiotta, seguì il periodo caratterizzato dalla “guerra fredda”, in cui la visione etica del bene comune fu sostituita dalla concezione ideologica della politica, alzando steccati fra le diverse culture che avevano reso possibile la Resistenza e la Liberazione dal nazifascismo. Bloccando - di fatto - quella che avrebbe potuto essere una normale evoluzione democratica dello Stato italiano.
 
Non può quindi stupire se dopo gli anni del boom economico, caratterizzati da un periodo di relativo progresso sociale, inizia con gli anni ‘80 quel declino morale della politica italiana che trova nell’individualismo e nell’affarismo il suo brodo di coltura, aprendo nel 1994 le porte del Parlamento ad uno spregiudicato imprenditore milanese - che diventerà pure Primo Ministro -, detentore di concessioni statali, nonostante una legge del 1957 dichiarasse non eleggibili i proprietari d’imprese private soggette ad accordi con lo Stato.
 
Di fatto, da quel momento, nella società italiana rinasce l’esigenza di una rivoluzione etica, per contrastare l’omologazione al protagonismo privato che prende campo e apre le porte, anche nella politica - compreso quella di sinistra -, all’individualismo sfrenato che diventerà ben presto arbitrio, privilegio e spesso, anche, corruzione e disonestà.
 
Dal 1994 ad oggi sono passati vent’anni e, purtroppo, il tempo per fare quella rivoluzione etica – Enrico Berlinguer la chiamò “morale” - sta per scadere od è, forse, già scaduto.
 
Eppure, contrariamente a quello che pensano molti delusi e chi vorrebbe sfasciare le istituzioni, è proprio adesso il momento d’inaugurare – con una rivoluzione etica – una nuova stagione politica, non solo per fare le riforme istituzionali necessarie al rinnovamento e rilancio economico del Paese, ma anche per rimettere al centro della politica quegl’ideali di libertà, giustizia e uguaglianza che animarono gli uomini e le donne della Resistenza.
 
                     Alessandro Sardelli
 
Azioni sul documento
Licenza Creative Commons
Tutte le immagini presenti su questo sito sono distribuite con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia.