Strumenti personali
Tu sei qui: Portale Storia Cronache La strage di Piazza Tasso

La strage di Piazza Tasso

Dall'Oltrarno provenivano alcuni dei più famosi antifascisti combattenti, fra i quali Aligi Barducci, detto "Potente", e Bruno Fanciullacci. Inoltre era nota la diffusa avversione con cui in quest'area la popolazione guardava al regime di Mussolini.

Nella primavera del '44 iniziava a delinearsi chiaramente la fine del fascismo e già da maggio i fascisti più in vista della città iniziarono ad allontanarsi con le proprie famiglie verso il nord. E' in questo clima di instabilità che il fascismo fiorentino dimena i suoi più tragici colpi di coda.

Il pomeriggio del 17 luglio 1944 un camion portò in piazza Tasso gli uomini di Giuseppe Bernasconi (che a Villa Triste era subentrato a Mario Carità), questi aprirono il fuoco senza preavviso sulla gente sparando nel mucchio con i mitragliatori.
Cinque persone persero la vita.

Azioni sul documento
Licenza Creative Commons
Tutte le immagini presenti su questo sito sono distribuite con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia.