Strumenti personali
Tu sei qui: Portale Notizie Maggio 2011 - Ricostruzione storica sulla formazione dei GAP e il loro ruolo della guerra di liberazione e nella resistenza

Maggio 2011 - Ricostruzione storica sulla formazione dei GAP e il loro ruolo della guerra di liberazione e nella resistenza

Firenze Antifascista, con l’adesione delle sezioni ANPI di Bagno a Ripoli, Lastra a Signa e Oltrarno, con questo documento vuole portare a conoscenza l'importanza dei gappisti e delle loro azioni.

Nei continui episodi del revisionismo e di negazionismo storico tesi a denigrare i valori, gli uomini

e le donne della Resistenza, è comparso un articolo sul «Corriere di

Siena» del 28 luglio 2008, dove si accusa Giuseppe Martini, “Paolo”, gappista

fiorentino, di efferati e ingiustificati assassini di «bravi e innocenti» cittadini

senesi, in realtà appartenenti alla Guardia Nazionale repubblichina.

Questo documento vuole mettere in evidenza la realtà dei fatti.

Nel ’44 la guerra non era certo finita e gli schieramenti erano netti e precisi:

da una parte i fascisti repubblichini e i nazisti occupanti, dall’altra i partigiani

e i gappisti. I nazifascisti tentavano di mantenere il dominio del territorio perpetuando

violenze e terrore, i resistenti operavano per contenerli e difendere

la popolazione.

Giuseppe Martini (“Paolo”) agì inserito nella organizzazione dei GAP ed ogni

sua azione fu decisa dai vertici del Partito Comunista Italiano clandestino.

Come “Paolo”, tutti i gappisti del tempo hanno eseguito “operazioni offensive

e di sabotaggio”, come ha testimoniato nel certificato al patriota il comandante

alleato Alexander nel 1944.

 

Per leggere il documento, clicca qui:

I Gap a Firenze

Azioni sul documento
Licenza Creative Commons
Tutte le immagini presenti su questo sito sono distribuite con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia.